INTERVISTA PUBBLICATA SUL SASSOLINO


Giulia Pigoni: “La destra? Tanto fumo, poca sostanza”

Scritto da Laura Corallo

venerdì 23 luglio 2010

NEW ENTRYIntervista a Giulia Pigoni, new entry in Consiglio Comunale per il PD: “La giunta? Tanta comunicazione ma poca sostanza. E Menani fa esattamente quanto faceva Pattuzzi. Il Progetto Giovani? Purtroppo è solo un ritrovo per gli amici della destra, non una cosa per l’intera città…”

Giulia Pigoni, new entry del PD

Giulia Pigoni, new entry del PD

Egregia Pigoni, com’è stato il suo approccio alla politica?
Da sempre la politica fa parte dei miei interessi. Quando frequentavo il liceo mi piaceva confrontarmi con i compagni di classe su temi di attualità e di politica, locale e nazionale. La politica è una passione che condivido anche con gli amici e la mia famiglia.
Tuttavia il primo approccio concreto al mondo della politica è avvenuto nel 2007 in occasione della nascita del PD. Io avevo solo 16 anni. Ho creduto subito in quel progetto che puntava all’innovazione e si poneva l’obiettivo di risollevare le sorti del paese. Così mi sono candidata alla direzione del partito a Sassuolo. Lì ho iniziato a fare le prime esperienze politiche culminate poi con la candidatura alla lista del partito in occasione delle ultime elezioni comunali. Sono stata eletta con 127 preferenze. Per me è stato un successo inaspettato e una grande soddisfazione.
Ci parli della sua esperienza in Consiglio comunale.
Quando mi sono candidata alle elezioni non avevo idea di cosa aspettarmi da questa esperienza. Quando sono in consiglio mi piace intervenire nel dibattito. La mia è un’esperienza in divenire e ho tanta voglia di imparare. Non penso di essere stata eletta per le mie competenze. Per ora la politica è una grande passione ma anche un percorso formativo e molto interessante.
Chi ammira di più in Consiglio comunale?
Ho un buon rapporto con tutto il gruppo consiliare. Tra di noi c’è voglia di confrontarci sulle idee e sulle proposte da fare. Certamente i rapporti tra i consiglieri cambiano a seconda del livello di preparazione e di anzianità. Chi è alla prima esperienza costruisce con i propri pari rapporti basati sulla condivisione, ad esempio, dei primi “impacci istituzionali”. Più costruttivi invece gli scambi che si intrattengono con i consiglieri di “vecchia data”. Da coloro che hanno avuto esperienze politiche di un certo livello si impara di più e si ha più voglia di apprendere.
Chi, invece, ammira di meno?
Di alcuni consiglieri di centro destra non ammiro il modo di fare politica. In particolare non approvo il silenzio assenso generale dei consiglieri che invece di alimentare il dibattito su quanto accade, si limitano ad avallare le scelte della giunta. Ciò dimostra come, a volte, i consiglieri siano lì solo per fare numero. Questa consuetudine porta la maggioranza anche a snobbare la minoranza perché tanto ha i voti assicurati. Ritengo invece che il dibattito e il confronto sui temi proposti dovrebbero avere sempre la priorità in consiglio comunale.
Che voto darebbe alla giunta di centro-destra?
Nel complesso darei un cinque e mezzo. Questa giunta merita la quasi sufficienza per la grande capacità comunicativa che ha dimostrato nel primo anno di amministrazione della città.
Il Comune ha messo in atto strategie di comunicazione utilizzando in particolare le nuove tecnologie per informare il cittadino anche se non ha ancora mantenuto gli impegni presi in campagna elettorale. Per esempio l’assessore alla sicurezza Francesco Menani lavora molto e si impegna. Tuttavia a mio parere non ha fatto nulla di più o di diverso rispetto a quanto realizzato dal precedente sindaco di centro-sinistra Graziano Pattuzzi.
Qual è l’assessore che apprezza maggiormente?
Antonio Orienti. E’ una persona preparata e capace. Merita rispetto. All’interno della giunta è l’assessore che lavora meglio.
Che voto darebbe invece al Sindaco Luca Caselli?
Anche il Sindaco, come la giunta, non merita, a mio parere la sufficienza: deve migliorare ancora molto sulla capacità di amministare i reali problemi della città. Mi spiego meglio: il sindaco non può essere solo amico dei cittadini e cavarsela con due pacche sulle spalle ma deve avere un’immagine istituzionale riconoscibile, quella appunto del Sindaco di tutti, non solo a parole.
Lei boccia tutte le iniziative prese da questa amministrazione?
No, non penso sia costruttivo bocciare. Tutt’al più si fanno proposte. Tra le iniziative culturali di questa giunta ho apprezzato l’ attenzione data al Palazzo Ducale. Tuttavia la cultura a Sassuolo non può limitarsi solo a quello. Occorre migliorare in toto l’intera proposta. Trovo che la Notte Bianca, ideata l’anno scorso da questa amministrazione, e tutte le iniziative culturali e di intrattenimento durante la nottata, sia stata un’esperienza positiva, da migliorare e da continuare.
Ad un anno di distanza dalle elezioni comunali, ha maturato un’idea precisa per cui avete perso?
Sicuramente la nostra campagna elettorale è stata costellata da errori. Ritengo che i nostri elettori abbiano preso sotto gamba l’importanza del ballottaggio. Hanno dato per scontato il risultato finale. E la colpa è anche nostra perché non siamo stati abbastanza accorti a lanciare l’allarme. Devo dire tuttavia che il centro-destra non ha vinto per propri meriti ma ha avuto la fortuna di cavalcare l’onda favorevole quando, nel 2009, l’immagine del Governo Berlusconi era ancora al top.

La scheda di Giulia Pigoni

La scheda di Giulia Pigoni

Come ha vissuto la sconfitta elettorale?
Essendo alla mia prima esperienza politica, ho vissuto la sconfitta delle elezioni in un modo diverso rispetto ai miei colleghi. Tuttavia, a mente fredda, mi sento di dire che la sconfitta del centro-sinistra a Sassuolo non sia stata così negativa. Anzi può darsi abbia fatto bene al partito perché un bagno di umiltà è utile per tutti. Dai banchi dell’opposizione vedi tutto da una prospettiva diversa. Impari di più. Ad un anno dal risultato delle elezioni, il dispiacere iniziale si è trasformato in una forte volontà di continuare a fare progetti concreti e sul lungo periodo con la prospettiva di tornare a vincere le prossime elezioni.
Il sindaco vi attacca dicendo che non fate opposizione, cosa risponde?
Il PD è stato il partito più votato alle elezioni regionali, con il 33% dei voti. Quindi non è un partito debole. Quasi la metà della città ci chiede di svolgere la funzione di controllo, di salvaguardia e di monitoraggio sull’operato dell’amministrazione.
Il 3 marzo scorso l’opposizione ha presentato un importante ordine del giorno sulla crisi economica a Sassuolo. Abbiamo cominciato a discutere di crisi economica solo il 30 giugno. Penso che manchi, da parte di questa amministrazione, la volontà di discutere i problemi con l’opposizione. Questa giunta nasconde i problemi reali mentre discute le questioni marginali. Invece i due schieramenti opposti devono parlare, fare dibattiti e confrontarsi. Il grande errore di questa amministrazione è l’avere chiuso il tavolo della comunicazione con i comuni del distretto. La cosa da fare è combattere insieme perché isolarsi è deleterio per tutti.
Caselli dice che la sua amministrazione sta cambiando il volto della città. Qual è la sua opinione?
Quale volto? La città è cambiata per aver organizzato un aperitivo in più in Piazza Piccola? Sassuolo purtroppo ha cambiato volto a causa della crisi economica che ha creato disoccupazione e incertezza per il futuro. E’ su questi temi che l’amministrazione deve puntare l’attenzione per ottenere un vero cambiamento.
Quali sono le principali divergenze nel centro-sinistra?
Il centro-sinistra sta facendo un lungo percorso per appianare le divergenze. Sta cercando di lavorare in vista di un progetto condiviso che accomuni persone e idee differenti.
Il suo giudizio su Sonia Pistoni, segretario PD.
Il PD ha avuto l’opportunità di eleggere una ragazza giovane. Sonia Pistoni è stata eletta all’unanimità dall’assemblea degli iscritti e rappresenta un segnale forte per il rinnovamento del Pd sassolese.
Il nostro segretario sta lavorando molto e rappresenta per noi una risorsa importante in consiglio comunale.
Cosa ne pensa del Progetto giovani?
Il Progetto Giovani sembra una buona idea. O almeno spero che lo diventi. Tuttavia, nonostante sia stato inaugurato recentemente nella sede dell’Urp di Piazza Piccola, non è mai partito veramente. Il progetto è stato votato al bilancio di previsione ma non c’è stata una informazione capillare per i cittadini. Un altro aspetto di criticità è che il progetto è gestito esclusivamente da consiglieri di centro-destra. Nessun membro dell’opposizione è stato in alcun modo coinvolto.
Se glielo chiedessero le piacerebbe collaborare all’organizzazione del Progetto Giovani?
Mi interesserebbe se ci fosse questo progetto, se fosse un’iniziativa che realmente si propone di ascoltare i giovani in città e lavorare con e per loro. Finché l’organizzazione è questa, il Progetto Giovani rimane il ritrovo per gli amici del loro partito, quindi no, non sono interessata.
A chi si ispira politicamente?
Nel mio percorso politico cerco di costruirmi una mia identità politica. Non mi ispiro ad altri politici né del passato né attuali. Mi piace però ascoltare le idee degli altri. Cerco di prendere il meglio nelle piccole e grandi cose.
Un suo pregio.
Sono esuberante.
Un suo difetto.
La testardaggine. Ho bisogno di sbagliare.
La politica sarà la sua professione futura?
E’ difficile dirlo. Oggi non sono sicura di quello che farò tra dieci anni. Penso che il problema delle nuove generazioni sia proprio il non sapere cosa fare del proprio futuro.
Quali sono i suoi interessi?
Ci sono cose che mi piace fare. Oltre alla politica ho la passione per il teatro. Da alcuni anni frequento l’associazione culturale Korova dove ho accumulato molte esperienze. Per dodici anni mi sono dedicata alla pallavolo che ho abbandonato a causa di un infortunio. Infine svolgo attività di volontaria nella Parrocchia di San Michele dei mucchietti.

Annunci