A PROPOSITO DI PASSERELLE….


In questi mesi estivi che portano tanti ( purtroppo non poi così tanti) sassolesi in altri luoghi, la nostra ridente (purtroppo non più così ridente) città, ha vissuto gli eventi tradizionali. Ad esempio, i “giovedì sotto le stelle” sono stati, al solito, molto frequentati e qualcuno avrà pensato che non ci fosse occasione migliore per sfruttare queste manifestazioni a proprio favore. Tra cultura e divertimento hanno evidentemente trovato spazio le vetrinette per i nostri amministratori locali, che ci hanno propinato, di nuovo, una marea di spot elettorali. Il Sassuolo Rock Festival è stata un’ottima idea che però ha pagato la tassa dell’esibizionismo della maggioranza, è stato infatti uno dei vari momenti culturali che si sono tenuti, che sono serviti più a pubblicizzare le “giurie di prestigio”, composte quasi interamente da Assessori e Consiglieri di maggioranza, che gli eventi stessi. Speriamo per la prossima edizione in un numero maggiore di concorrenti e migliore pubblicità al Festival piuttosto che alla giuria. E sempre rimanendo in tema “cultura” che dire poi del cambiamento di gestione del teatro Carani, che costerà molto di più della precedente stagione, e del mancato rinnovo della convenzione alla “Bottega dell’arte” che gestiva prima entrambi i cinema sassolesi e che si trova ora a non avere nemmeno la certezza di gestire per la prossima stagione il Cinema- Teatro San Francesco? Quindi, mentre ancora non si sa nulla del tanto promesso Cinema Multisala, ci troveremo fortemente limitati qualitativamente sulla proposta cinematografica locale, dato che sarà più problematico avere le pellicole di prima visione con enti gestionali separati. Ad oggi l’unica certezza è che a Sassuolo la cultura ha smesso di essere un servizio per i cittadini, per trasformarsi in una passerella ad hoc per alcuni amministratori locali o per dare visibilità ai vecchi o nuovi amici che non l’hanno guadagnata nella competizione elettorale.

Annunci