Sono due giorni che continuo a pensare alla strage di #Carignano


Sono due giorni che continuo a pensare alla strage di Carignano. A quel papà che ha ucciso la mamma e sparato ai suoi due bambini, poi si è suicidato. Non è la prima volta che sentiamo questa storia, purtroppo. Non sarà nemmeno l’ultima, purtroppo.
Mi si gela il sangue, ogni volta.
Poi ascolto e leggo come questa storia viene raccontata e il sangue invece comincia a ribollire.
Di nuovo le solite parole, le solite giustificazioni più o meno velate: “lei aveva un altro, voleva lasciarlo”, “delitto passionale”, “non accettava che la sua famiglia venisse distrutta”… onestamente non ne posso più di questa narrazione.
Quando parleremo davvero di #violenza, psicologica prima ancora che fisica, di possesso, di ossessione? Quando smetteremo di raccontare la favola dell’insospettabilità degli assassini? Non voglio fermarmi alle riflessioni, la politica deve intervenire. Di più, meglio.
Sulla violenza, certo.
Sulle parole dei #media che devono fare informazione, pure.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...