Quando le indagini toccano amici e parenti, improvvisamente anche i campioni della gogna preventiva e dei processi mediatici diventano i più incalliti garantisti.

Quando le indagini toccano amici e parenti, improvvisamente anche i campioni della gogna preventiva e dei processi mediatici diventano i più incalliti garantisti.
Nel discorso di #Grillo c’è tutto quello che da anni cerchiamo di combattere nella politica e nella società italiana: vetero maschilismo, colpevolizzazione della vittima, parole vergognose.
Ma neanche questo basta a rompere il meccanismo malato del tifo politico: basta guardare le acrobazie lessicali con cui tante donne grilline stanno difendendo l’indifendibile.
Lo ripeto: parlare di alleanze strutturali con forze politiche di questo tipo è semplicemente inaccettabile.

Azione è vicina ai lavoratori del #teatro e dello #spettacolo

Azione è da sempre vicina ai lavoratori del #teatro e dello #spettacolo: siamo convinti che il settore della #cultura necessiti quanto prima un sostegno più adeguato da parte della politica, per un rilancio sostanziale dell’arte nel nostro Paese con tempi rapidi.

Pur nella consapevolezza della gravità dell’emergenza pandemica, e della complessità della situazione che sta affrontando il Governo, la scelta di tenere chiusi i teatri e i luoghi dello spettacolo senza una prospettiva di futuro, e senza ulteriori #ristori, rischia di rendere irreversibile la situazione di un settore già profondamente in ginocchio.

Così come la scuola, anche teatri, #cinema e #musei dovrebbero poter riaprire in tempi rapidi, mettendo in campo protocolli di sicurezza che siano in grado di garantire una ripartenza senza esitazioni e di dare finalmente certezze e prospettive ai lavoratori della cultura e alle loro famiglie.

“Perché una donna se rimane incinta non può conferire un danno a nessuno e non deve risarcire nessuno per questo”.

“Perché una donna se rimane incinta non può conferire un danno a nessuno e non deve risarcire nessuno per questo”.

Italia, anno 2021. Lara Lugli rimane incinta, il contratto viene rescisso come da accordi. Poi perde il bambino: da lì, inizia il calvario. Prima la società si rifuta di pagarle anche quanto dovuto per l’ultimo mese in cui è scesa regolarmente in campo, poi alla sua ingiunzione di pagamento risponde adducendo motivazioni sconcertanti. “Non aveva chiarito l’intenzione di avere figli”, “Ha causato la perdita dello sponsor”, “Non è voluta tornare in campo dopo l’aborto”.

C’è da aggiungere altro? Serve una risposta univoca delle Istituzioni (politica e giustizia) e un inasprimento delle pene per i comportamenti vessatori dei datori di lavori. Basta, basta, basta.

#LaraLugli

8 marzo 2021

Spero non me ne vogliano le Donne del Circolo Culturale Artemisia se in occasione della Giornata Internazionale della Donna pubblico la foto di un bellissimo ricordo insieme a loro.
Lo faccio perché per me sono state e sono un esempio di quella dedizione e quell’impegno necessari per far sí che sia la Festa della #Donna sempre.
Perché noi donne non dobbiamo fare un passo indietro, e non dobbiamo avere paura della prima linea.
Auguri a tutte noi, auguri in questo mondo in cui dobbiamo ancora dimostrare di essere due volte più brave di un uomo per raggiungere gli stessi obiettivi.

#8marzo2021
#InternationalWomensDay
#GiornataInternazionaledellaDonna

GIORNATA DELLA MEMORIA 2021

“Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre.”

Scriveva così, Primo Levi.

Da un’indagine Eurispes risulta che quasi il 16% degli italiani crede che la #Shoah non sia mai esistita.
Nel 2004, erano meno del 3%.

#giornatadellamemoria

📹 Il mio intervento in Consiglio Comunale di ieri sull’assegnazione Sala Temple 👇

Nell’assegnazione della #SalaTemple non si è preso in minima considerazione il radicamento a Sassuolo delle associazioni, le collaborazioni con le altre associazioni della città, o chi abbia partecipato alle Consulte cittadine dei Giovani e della Cultura.
Non solo: a oggi non è stata proposta nessuna soluzione alternativa per quelle associazioni sassolesi rimaste senza assegnazione di locali.

Le risposte fornite alla mia interrogazione non fanno altro che certificare come gli obiettivi dell’amministrazione abbiano molto più valore, agli occhi di questa Giunta, del radicamento territoriale, della collaborazione con le altre associazioni, della partecipazione degli organi consultivi istituiti dalla stessa amministrazione.
Un atteggiamento sconcertante, da parte di una Giunta che sta riuscendo a disperdere il prezioso patrimonio dell’#associazionismo locale.

📹 Il mio intervento in Consiglio Comunale di ieri sull’assegnazione Sala Temple 👇

#Sassuolo

Risolvere i problemi del #ProntoSoccorso dell’Ospedale di #Ravenna.

Risolvere i problemi del #ProntoSoccorso dell’Ospedale di #Ravenna.

A chiederlo, in un’interrogazione, è la consigliera di Azione Giulia Pigoni (Lista Bonaccini). “Il Pronto Soccorso dell’Ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna manifestava carenze strutturali anche prima della pandemia da Covid 19: la situazione pandemica del territorio Ravennate, durante la seconda ondata, si è aggravata e ha creato situazioni difficilmente sostenibili per il personale sanitario, costretto a operare in un contesto carente di attrezzature e luoghi idonei; inoltre, nonostante ci fosse un progetto di ampliamento del Pronto Soccorso, non è mai stato realizzato ed è ritenuto non adeguato, come ha evidenziato l’attuale Direttore sanitario”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere dall’amministrazione regionale “quali iniziative si intendano intraprendere per gestire l’emergenza e la carenza di personale sanitario; quali siano le iniziative e quindi i tempi per rispondere alla carenze di spazi in questa fase emergenziale e quali siano le intenzioni rispetto al progetto infrastrutturale e la riorganizzazione del Pronto Soccorso”.
.
Pigoni interroga la #GiuntaER anche per sapere “se non si ritenga necessario accelerare il potenziamento della medicina di base di prossimità, nonché la rete delle Case della Salute, per consentire al Pronto soccorso di svolgere pienamente la propria naturale funzione e se non si ritenga di rafforzare l’intera rete dei Pronto soccorso del distretto sanitario di Ravenna per decongestionare quello del SantaMaria delle Croci”.
.
Ravenna in Azione #sanità